giu
28
2013

I food share partecipa all'inaugurazione del Castello di Favara. Sharing economy e valorizzazione del territorio

 

I food share partecipa alla manifestazione legata all'inaugurazione del Castello Chiaramonte di Favara (AG), una serata dedicata all'arte, alla cultura e alla valorizzazione del territorio... Dopo la visita al Castello Chiaramonte, tutti pronti per i Sette Cortili. Tantissimi gli artisti, architetti e creativi coinvolti: una bellissima personale di BR1 sul rapporto tra donne musulmane e Occidente, un’installazione iconica dedicata a Favara a cura di Daniele Alonge, una mostra-competizione “Coca-Cola vs Mc Donald’s” ospiterà i lavori di Andrea Francolino, Gianfranco Pulitano, Ruggero Rosfer, Max Papeschi e Pep Marchegiani ed ancora Daniele Alonge. Da vedere anche le installazioni pneumatiche e luminose dell'artista siciliano residente a Berlino, Alfredo Sciuto, l’installazione pedonale di Massimo Mion, il progetto "Rete. Scene di vita ordinaria di un cortile straordinario" di Vanessa Castronovo, la performance live del collettivo pugliese Dottor Porka’s, l’intervento murale di Vlady Art e la divertente opera sulla felicità delle galline di Elfo.


All’architettura e al design verranno dedicate due differenti project room: la prima all’architettura, con il video sul progetto “Institute for imagining” di Miles Fujiki, vincitore del Farm Prize nel Contest New York City Vision; la seconda al design, con una piccola mostra sul Contest “Epidemic Happiness - Street Furniture Contest" organizzato da Farm in collaborazione con Desall.

 

https://www.facebook.com/events/524367614277054/

Fonte i foodshare

giu
27
2013

I food share su NEXT Economia e Futuro. Giovedì 27 giugno ore 23:30

Volevamo  ringraziarvi per le adesioni volontarie che in questi mesi abbiamo ricevuto per far parte del volontariato ifoodshare, per la lotta contro lo spreco alimentare e per la condivisione di prodotti agroalimentari a scopi solidali utilizzando il web come scambio, magazzino e vetrina di presentazione di prodotti agroalimentari. La solidarietà e la condivisione diventa la base per il superamento della crisi e per l'avvio di politiche sociali dal basso che partono da cittadini appartenenti a uno stesso territorio. In questi mesi ci siamo confrontati con varie iniziative simili, con varie organizzazioni che hanno avviato delle vere e proprie economie locali sostenendosi a vicenda: il più forte aiuta o sostiene chi è temporaneamente in difficoltà: questa la soluzione avviata dalle varie comunità locali.

 I food share è cultura della solidarietà che si fonda sullo scambio solidale del bene primario, il cibo, fondamento dello sviluppo umano. Il diritto all’alimentazione è un diritto di ogni essere umano come diritto inviolabile.

I food share è condivisione, è partecipazione solidale nel settore dell’alimentazione umana.

 ifoodshare.org

giu
4
2013

I food share partecipa alla giornata mondiale dell’ambiente 5 giugno 2013

 

REGISTRATI per donare il pane quotidiano: Think – Eat – Save

 I food share è uno strumento nuovo, gratuito  e in linea con le nuove tecnologie che permette a qualsiasi cittadino, azienda agricola, grande distribuzione, settore della ristorazione di trovare un partner ideale per ridistribuire beni alimentari  a scopi umanitari negli stessi territori in cui si è creata l’eccedenza alimentare, permettendo alle stesse comunità di ridurre lo spreco alimentare e sostenere una  cultura della solidarietà tra cittadini. La solidarietà diventa la via, l’opportunità contro l’impoverimento sociale ed economico. Esempi di solidarietà: Il pane invenduto messo a disposizione sulla piattaforma ifoodshare.org  dagli stessi panifici/ supermarket, botteghe a fine giornata permette  una condivisione dal basso e una diffusione della cultura della solidarietà tra cittadini che crea coesione sociale, corresponsabilità ed equità. La condivisione implica un rapporto fra pari che insieme vivono delle risorse di questo Pianeta.

  I food share è condivisione solidale nel settore dell’alimentazione umana.  Avviare politiche dal basso che possano ridurre lo spreco alimentare significa crescita e sviluppo economico. 

Fonte: ifoodshare.org

 

 

 

Month List

Tag cloud