mar
21
2013

Cibo in eccedenza e malnutrizione

 

Per malnutrizione si intende un’alimentazione squilibrata,

quindi può significare sia mangiare troppo sia mangiare

troppo poco. Si usa tuttavia genericamente per indicare

uno stato di sottoalimentazione.

 

Servono tra le 2.000 e le 2.5000 calorie giornaliere per

condurre una vita sana ed attiva.

 

Le calorie in eccesso assunte dagli italiani sarebbero più

che sufficienti a eliminare la fame in Etiopia.

 

Le popolazioni dell’Africa a sud del Sahara hanno la

percentuale più alta di persone che soffrono la fame.

 

Per sicurezza alimentare si intende il libero accesso di tutti

i popoli, in qualsiasi momento, al cibo.

 

Le conseguenze della fame, cioè di un’alimentazione

povera e scarsa, possono essere molto gravi: le persone

muoiono o vivono una vita di stenti, il paese si impoverisce

sempre di più, i bambini non vanno a scuola, l’ambiente si

deteriora.

 

Nel mondo, sempre più persone soffrono d’obesità. È

altissimo anche il numero di quanti sono sottoalimentati.

La sottoalimentazione è quasi sempre collegata alla

povertà: spesso il cibo manca perché c’è la guerra o perché

la siccità ha arso il raccolto o un’alluvione ha sommerso i campi di riso.

 

Aiutaci a sostenere campagne di condivisione on line di cibo per una condivisione quotidiana dei bisogni umani e del diritto all’alimentazione. Ifoodshare.org

Fonte wfg.org - ifoodshare.org

Month List

Tag cloud